Perchè mi candido

Mi candido Consigliere Comunale perché lo ritengo un ruolo di responsabilità in quanto cittadina e donna che ama la propria città e ne vive quotidianamente i problemi e perché questo impegno rappresenta il vero punto di contatto fra la città e i suoi amministratori.


L’appartenenza alla lista “Milano Civica x Pisapia” è una garanzia di professionalità e serietà di impegno, per chiunque di noi ricoprirà questo incarico.
Appoggio Giuliano Pisapia perché rappresenta questo nuovo modo di concepire la gestione della città: partecipata e attenta ai cittadini e alle cittadine con azioni concrete volte a verificare il bilancio, mettere a profitto le risorse, tagliare gli sprechi, renderla efficiente, salubre, moderna, sicura e perciò pienamente vivibile.

Sono sensibile ai problemi della mia città soprattutto a tutto ciò che riguarda mobilità a piedi o su due ruote, inquinamento, sicurezza, spazi verdi, istruzione, integrazione e tempo libero. Vado a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici, non uso la macchina se non per andare fuori città.

Sostengo una città aperta a partire dall’integrazione nella prima infanzia, credo nella diversità come ricchezza e non come minaccia.

Vorrei una città sostenibile per noi, i nostri figli e i nostri genitori e per tutti quelli che scelgono di venire a vivere qui; credo che alcune esigenze abbiano preso il sopravvento sul benessere urbano, da cui discende quello del cittadino, e che tali tendenze vadano invertire seguendo l’esempio delle città europee.

Credo nella città intraprendente e per prima sono riuscita a sfruttare tutte le occasioni che ha saputo offrirmi e ringrazio Milano per avermi fatto architetto; da sempre Milano ha offerto possibilità a tutti ma, ultimamente, si è chiusa arrecando un danno per prima a se stessa.

I miei progetti per Milano:
1. Vorrei ribaltare l’attuale rapporto trasporto pubblico e trasporto privato. Il trasporto pubblico sarà un servizio urbano efficiente e capillare garantito a tutti i cittadini. Il mezzo privato in generale diventerà a pagamento: se voglio usare l’auto compro un biglietto – 1 € per 75 minuti.
2. Vorrei una città rivestita di prati. In Germania e Francia lo fanno già con le coperture verdi. Il prato al posto delle tegole abbatte le polveri sottili, trattiene le piogge prevenendo allagamenti e innalzamenti della falda, frena le onde elettromagnetiche, coibenta l’edificio, ha poca manutenzione ed è bello da vedere!
3. Vorrei aprire la nostra città si apre alle nuove culture cui dobbiamo raccontare, valorizzandola, la nostra storia in tutti i suoi aspetti: storici, archeologici, urbanistici, architettonici, artistici, musicali e di tradizione. Bisogna favorire la partecipazione di tutti i cittadini alla città e alla sua cultura, perché la vivano come un bene prezioso che abbiamo l’obbligo di trasmettere ai nostri figli.

Ma al di là delle proposte specifiche bisogna tenere presente che esse si inseriscono in un quadro di forte impegno politico e di responsabilità morale per questo mi candido nella lista civica per Pisapia sindaco.

Un consiglio: leggete i programmi e poi votate, non ci saranno più dubbi!
Cambiare è necessario. Cambiare si può.

Una risposta a Perchè mi candido

  1. Alessandro Belli scrive:

    Mia cara,

    se io fossi residente a Milano sai che avresti il mio voto, perchè per quel poco che ti conosco so che sei una persona in gamba.

    Ciò nonostante ti faccio il mio più grande in bocca al lupo, perchè la tua città e questa Regione devono emergere dal fango, dal cemento e dai rifiuti che in essa sono stati riversati dall’ignoranza, dalla falsità e dall’infima caratura morale e mentale di una classe dirigente corrotta fino al midollo, che sta rovinando non solo quel Comune, ma anche tutto il Paese.

    Un saluto a tutti,

    Alessandro Belli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>