Referendum in Sardegna

Personalmente ho sentito poco parlare del risultato dei referndum in Sardegna. Come se i media tacessero per non aggiungere il carico da 11 sulla sconfitta di Berlusconi e Moratti a Milano.

Ho chiamato una mia amica di Cagliari che mi ha confermato che:

  • l’affluenza è stata quasi del 70% contro un 30% scarso preventivato;
  • che il SI è stato del 97%!

Quindi la Sardegna si è univocamente espressa contro il nucleare in Italia! Io sto con la Sardegna e tu?

Giovanna Mottura

Pubblicato in articoli | 1 commento

Milano Civica x Pisapia ha fatto centro

Tutti ne parlano. E’ il fenomeno politico del momento col suo 3,86% appena dopo SEL. La verità è che è la terza forza della coalizione.

Ma tutto ciò non è un caso, una coincidenza o una moda passeggera; è il frutto di un sapiente lavoro di gruppo e individuale sia dei suoi ideatori sia dei candidati che la compongono.

Il risultato di tanto impegno sono i 22.995 cittadini che vi si sono riconosciuti; proprio quell’elettorato moderato e di centro che ha creduto fortemente nella possibilità - finalmente - di cambiare una città che stava morendo per ricostruirla assieme col lavoro di tutti affinchè diventi lo specchio non solo dei suoi abitanti ma, anche, di un’intera nazione.

Milano Civica x Pisapia è la città che sogna e che lavora, è la città che fa cultura, che tende la mano agli altri, che prepara il futuro per i bambini, che accoglie i nuovi milanesi, è la città dei giovani e della musica: è la città con al centro i cittadini e abbiamo colto nel segno!

Ora Milano Civica x Pisapia ha un nuovo obiettivo: Pisapia sindaco! Su questo lavoreremo per i prossimi 10 giorni con l0 stesso impegno e immutata passione come abbiamo dimostrato in questi mesi e come continueremo a fare in futuro. State con noi e vinceremo!

Giovanna Mottura

Pubblicato in articoli | Lascia un commento

Vota Mottura al consiglio comunale

Poche righe per spiegare perchè ho scelto di candidarmi con la lista “MILANO CIVICA X PISAPIA SINDACO”, che è la vera novità delle prossime elezioni per il Consiglio Comunale di Milano.
48 persone, 27 donne e 21 uomini, per lo più giovani e ben inserite nel mondo del lavoro e delle professioni cittadine, senza aver alle spalle esperienze di militanza in qualche partito, hanno deciso, in controtendenza,  di impegnarsi in prima persona perché Milano possa avere una nuova e diversa guida politica e amministrativa, capace di dialogare con civiltà con tutti, avendo però cura dell’interesse generale.
E’ un insieme di persone, non a caso, a maggioranza femminile. Milano, infatti, è una città dove contemporaneamente le donne svolgono più ruoli essenziali, che contribuiscono in modo determinante alla tenuta e alla crescita dell’intero tessuto sociale, senza però, troppo spesso, avere voce e rappresentanza nelle Istituzioni.
48 persone, portatrici di qualificate competenze, rappresentative di una Milano che non vuole rassegnarsi al declino, che credono davvero nella politica come servizio.
48 persone che si sono affermate e vivono grazie alle loro capacità personali, ma che sanno di non poter fare a meno di una città integrata, efficiente e solidale.

Perché sostengo Giuliano Pisapia
Attraverso personali percorsi culturali, noi candidati nella lista “MILANO CIVICA X PISAPIA SINDACO” siamo arrivati alla conclusione che il futuro e quello di Milano sono sempre più intrecciati e che, per questo, c’è bisogno di imprimere un deciso cambiamento rispetto alle forze che da quasi vent’anni guidano la città, impegnandosi in prima persona.
Il prevalere di pochi interessi particolari e di culture politiche contrassegnate dalla paura di fronte ai cambiamenti epocali che stanno trasformando il mondo intero e da visioni miopi sul come concepire la convivenza civile, ha in questi anni bloccato Milano e ha impedito che venissero colte grandi opportunità.
Giuliano Pisapia, senza ricorrere a toni e comportamenti  rissosi e volgari, si è impegnato ad attuare un programma, assieme a tutti coloro che lo sostengono, che dà nuove speranze. Un programma riassumibile in un rilancio del ruolo ‘aperto’ e internazionale di Milano, capace di accogliere e integrare chi arriva per ricercare nuove opportunità per una vita migliore e, contemporaneamente, di proiettarsi nel mondo. Un’integrazione che Giuliano Pisapia vuole fondata sul rispetto di diritti e doveri, alla luce anche della sua lunga attività professionale e  della sperimentata militanza politica fondate su un convinto garantismo nel rapporto tra l’individuo e la legge. Da ultimo, ma non meno importante, la valorizzazione e la mobilitazione dei meriti presenti in città e in Comune, anche come strumento per dare risposte pubbliche ai tanti, e sempre più complessi, bisogni.

Giovanna Mottura – candidata consigliere cominale con “Milano Civica per Pisapia Sindaco”

scheda Milano X Mottura

Pubblicato in articoli | Lascia un commento

Appuntamento in via Stendhal

12 maggio 2011
18:00a19:00

Care amiche e amici, informo di questa importante iniziativa tutti coloro che sono contrari all’abbattimento della villetta liberty sull’angolo dei giardini di via Stendhal per far posto ad un edificio moderno malamente inserito nel contesto e dalle dubbie scelte stilistiche.

Oggi giovedì 12 maggio alle ore 18,00 in via Moisè Loira ang. Cola di Rienzo circonderemo con un simbolico abbraccio la villetta liberty che verrà demolita a gioni come segno di protesta civile.

Sono invitati anche i giornalisti per dare maggiore visibilità alla vicenda che ha visto trasformarsi l’originario progetto di restauro dell’edificio esistente per la realizzazione di un centro prima per anziani in una bieca demolizione per realizzare un corpo di 5 piani fuori terra a destinazione residenziale privata.

Sono contraria ad un’amministrazione che permetta ad un ente pubblico, il Pio Albergo Trivulzio in questo caso, di cedere propri beni per mancanza di fondi per la manutenzione e la ristrutturazione a privati dediti esclusivamente a a interessi privati.

Ancora una volta è mancata l’occasione di realizzare un servizio sociale per un quartiereche ne avrebbe avuto enorme bisogno!

Sull’aspetto estetico e l’attenzione al contesto non mi pronuncio.

Giovanna Mottura – candidata al consiglio comunale con la lista Milano Civica x Pisapia

Pubblicato in eventi | 1 commento

Tempismo perfetto!

I volantini della Milano Ristorazione con i menu non si vedevano forse da novembre? Eccoli magicamente ricomparsi con un tempismo perfetto per le amministrative del 15 e 16 maggio. Sul retro un bello spot elettorale pagato da noi e uno spot pubblicitario, anch’esso gratuito, ad alcuni prodotti di note marche di cui Milano Ristorazione si serve.

Quando finirà questo supruso continuo? Quando la gente aprirà gli occhi e avrà il coraggio di riconoscere di aver riposto la propria fiducia in persone che non si preoccupano nemmeno di mascherare la dedizione ai propri esclusivi interessi?

Il vento sta cambiando ma dobbiamo soffiare in tanti nella stessa direzione!

Sostieni la mia candidatur al consiglio comunale!

Giovanna Mottura (Milano Civica x Pisapia Sindaco)

 

Pubblicato in articoli | Lascia un commento

Perchè?

Oggi ho incontrato un gruppo di cittadini residenti nelle vie che fiancheggiano il costruendo quartiere City Life: una densità di abitazioni mai viste a Milano a prezzi che vanno dagli 8 ai 12.000 €/mq.

I cittadini mi chiedono: perché? Me lo chiedono in quanto candidata Consigliere Comunale con la Lista Civica per Giuliano Pisapia. Mi supplicano di fare qualcosa per loro perché nessuno li ascolta. Perché?

Veniamo al dunque, alla questione di oggi, al problema dei molti che non trovano spiegazioni logiche a quanto vedono succedere quotidianamente sotto i loro occhi, dalle loro finestre.

Attorno agli isolati che compongono il nuovissimo polo residenziale City Life ci sono dei viali ad alto scorrimento automobilistico delimitati, verso il lato interno, da un doppio filare di platani ormai almeno cinquantenari, sotto i quali c’erano, fino a poche settimane fa, almeno 2.000 posti auto fra aree di sosta “gialle” per residenti e aree di sosta “blu” a pagamento. Non più di sei mesi fa sono addirittura state installate delle nuovissime colonnine per la distribuzione dei ticket per la sosta che non solo non sono mai entrate in funzione ma verranno rimosse. Parte delle aree destinate alla sosta erano anche realizzate con autobloccanti all’interno dei quali cresceva l’erba.

Oggi tutto ciò non esiste più, niente più aree per la sosta, niente più nuovissime colonnine, niente più autobloccanti. Perché?

Su un cartello di cantiere si legge: “opere relative al parterre verde dei viali Ezio, Bellisario, Cassiodoro e Berengario”. Committente: City Life.

Perché City Life toglie circa 2.000 posti auto ad un quartiere densamente popolato per sostituirli con un “parterre verde” quando c’è già un doppio filare di platani decennali e pavimentazione in autobloccanti che lascia crescere l’erba?

Ma le aree verdi non le hanno fatte all’interno del blocco residenziale? Un prato sotto dei platani lo chiamano area verde? Per i cani, forse. La prossimità dei viali ad alto traffico rende anche la permanenza spiacevole e poco salubre.

Perché demolire una struttura funzionante, efficiente e oggetto di migliorie non più di sei mesi fa?

Ma i parcheggi li rifaranno da un’altra parte?

Perché al consiglio di zona non ne sanno nulla? Non sanno neanche dove si trovano i viali oggetto di intervento?

Perché le forze politiche, che ora si confrontano per la poltrona del primo cittadino, più volte interpellate dai cittadini, non sono mai neanche venute a vedere?

Perché gli articoli inviati ad una delle maggiori testate milanesi restano “congelati” in attesa di pubblicazione?

Il 12 aprile 2011 è stato promosso un incontro pubblico aperto alla cittadinanza dall’associazione “Vivi e Progetta un’altra Milano” e sostenuto dal Comitato Pisapia di zona 8, invitati Letizia Moratti e Giuliano Pisapia, che ne è stato?

Queste le parole di Giuliano Pisapia del 13 aprile 2011: “Il progetto CityLife che sta sorgendo sull’area dell’ex-Fiera di Milano, che si estende da Piazza Giulio Cesare fino alla nuova FieraMilanoCity, presenta criticità molto forti. Durante l’incontro “Quale futuro per la Zona Fiera”, a cui ho partecipato ieri pomeriggio, è emerso con evidenza l’impatto di questo nuovo insediamento sulla vita quotidiana dei residenti della zona. È realistico pensare che con la realizzazione delle nuove abitazioni e degli uffici arriveranno in questa zona migliaia di nuove persone, sia residenti che city-user, e la densità abitativa del quartiere aumenterà in modo critico. Quello che preoccupa maggiormente sono i disagi per traffico e parcheggi come anche la mancanza dei servizi pubblici adeguati, a partire da scuole e servizi sociali di interesse locale. Sono quindi condivisibili i timori sollevati dai cittadini e ritengo che da parte dell’amministrazione servano certezze sulla situazione del traffico, sulla presenza di verde pubblico e dei servizi. I cittadini hanno il diritto di seguire da vicino il prosieguo dei lavori, segnalando all’amministrazione come ridurre al massimo gli impatti negativi. L’impegno che mi prendo come futuro sindaco di Milano è quello di garantire un rapporto continuo e proficuo con gli abitanti della zona Fiera, operando per attivare tutte le forme di partecipazione possibile per promuovere uno sviluppo urbano sostenibile, partendo da un rinnovamento dell’attività dei Consigli di Zona per rendere efficace la partecipazione di tutta la cittadinanza”.

A pochi giorni dalla elezioni i cittadini vorrebbero che i 15 candidati sindaco facessero le loro dichiarazioni in proposito proprio in un momento in cui non si fa altro che parlare di problemi della città, fra cui quello dei parcheggi, e si promettono grandi soluzioni laddove ciò che è sotto gli occhi di tutti è solo la distruzione di settori funzionanti della città.

Giovanna Mottura

Pubblicato in articoli | Lascia un commento

Campagna elettorale

Pieghevole-Mottura

SantinoMottura

Qui trovate il mio materiale elettorale da scaricare e divulgare.

Giovanna

Pubblicato in articoli | Lascia un commento

Mostri urbani

La deliziosa villetta inizio ’900 che si affaccia sul parco di via Stendhal alla fine di via Moisè Loira verso la via Solari, verrà rasa al suolo per costruire questa indefinibile mostruosità.

A breve ci sarà una raccolta di firme per impedire che lo scempio abbia luogo.

Ecomostro di piazza Piemonte: un terzo della struttura, che attualmente è realizzato solo in parte, verrà abbattuto. Ma gli altri due terzi, che contengono servizi per l’autosilo ormai non ricollocabili, resterà a rovinare un’altra delle piazze di Milano.

Riprendiamo la nostra città.

Giovanna Mottura

Pubblicato in articoli | 2 commenti

Colora la città di arancione

7 maggio 2011
10:30a18:30

Sabato 7 maggio ore 10,30 la Lista Milano Civica x Pisapia si riunisce in via V. Hugo 3 per poi confluire in piazza San Babila dove alle 12,15 dove Giuliano Pisapia terrà una conferenza stampa. Nel pomeriggio appuntamenti diffusi in tutta la città; Elisabetta Strada ed io presenteremo il nostro progetto “Edifici Comunali ad impatto zero” in via Jacopo Dal Verme 10 di fronte all’Istituto Confalonieri alle ore 14,30.

Conclusione della giornata alle 18 in piazza della Scala.

L’arancione sarà il colore dominante!

Giovanna Mottura

Pubblicato in articoli, eventi | Lascia un commento

Come votare

Per le elezioni comunali la scheda è di colore azzurro, i nomi dei candidati alla carica di Sindaco sono già stampati. A fianco di ciascuno sono stampati i simboli delle liste che appoggiano il candidato sindaco. A fianco di ciascun simbolo di lista è segnata una riga dove scrivere una sola preferenza per un candidato al consiglio comunale di quella lista. Ci sono tanti modi per esprimere il propio voto:

  1. Un segno sul candidato sindaco. Il voto vale solo per il sindaco e non vale per nessuna lista.
  2. Un segno sul simbolo della lista. Il voto vale per la lista e per il sindaco collegato.
  3. Un segno sul candidato sindaco e un segno su una lista a lui collegata. Il voto vale per il sindaco e per la lista.
  4. Un segno su un candidato sindaco e un segno su una lista NON collegata. Questo è il “voto disgiunto”. Il voto vale per il sindaco e per la lista a lui contrapposta.
  5. La preferenza. A destra del simbolo della lista sopra la riga si può esprimere la preferenza per il candidato al consiglio comunale.

Per le elezioni circoscrizionali la scheda è di colore verde.

    Viene eletto sindaco il candidato che al primo turno ottiene almeno il 50% (+ 1) dei voti. Se nessuno ottiene quel risultato 15 giorni dopo si torna a votare per il ballottaggio tra i primi due candidati che hanno ottenuto i maggiori voti.

    Al ballottaggio si vota solo il candidato sindaco. Sulla scheda elettorale compaiono i nomi dei due candidati più votati e i simboli delle liste che lo sostengono, comprese quelle che eventualmente si sono apparentate per il secondo turno.

    Per questo è importante votare TUTTI al primo turno esprimendo anche la preferenza sia per la lista di appoggio sia per il Consigliere Comunale che si intende sostenere.

    Giovanna Mottura

    Pubblicato in articoli | Lascia un commento